lunedì , 23 settembre 2019
NEWS

N°7 Apr 2015 – Report Meeting Moto d’Epoca

La giornata di domenica si apre con le ultime qualifiche del week-end e nello specifico con il secondo turno dell’Italian Cup dove mantiene la pole la Yamaha di Tamburini, che con 1’14″446 migliora anche la propria prestazione del primo turno. Seguono la Ducati di Rincione, con 0″592 dal primo tempo e la BTT di Ostorero, al quale basta un solo giro nel primo turno per posizionarsi in prima fila a 0″739 dal secondo tempo.

Si passa alle gare e quindi spazio al Gruppo 4 A. Nella classe Vintage 250 la classifica di regolarità è stata vinta dalla Honda di Novelli. Sul podio insieme a lui salgono Zari, secondo sulla sua Morini e Gagliardi, terzo su Montesa. Premio speciale “Giro perfetto” per Michelini e la sua Yamaha, in grado di ottenere il miglior tempo su giro singolo in termini di regolarità, con una penalità di soli 11 millesimi. Nella classe Vintage Mini trionfa nella regolarità Bianchi su Kreidler, seguito da Donati che, su PCB, si aggiudica anche il premio “Giro Perfetto”. Si completa il podio con Di Giuliantonio, che ha corso su Negrini. Chiude il Gruppo 4 A la classe 125 SP, la cui classifica di regolarità è stata vinta da Bertoli su Aprilia, meritevole anche del premio “Giro Perfetto”. Lo seguono sul podio Tuzza su Gilera e Molinelli su Yamaha.

Si procede con la Vintage Guzzi, anche questa gara di regolarità: la classifica in questa classe è stata vinta da Ancellotti a bordo della sua Derivata Le Mans. Secondo piazzamento per Calveri su Derivata 850 e terzo per la Lemans III di Villa. Premio “Giro Perfetto” assegnato a Musci, che ha fatto registrare nel suo giro migliore solo 2 millesimi di penalità.

Nella gara di regolarità Gentleman Cup podio tutto Ducati: sul gradino più alto sale Ciovacco, accompagnato da Fusella e Tedioli. Premio “Giro Perfetto” per Monti e la sua Bimota.

Nel Gruppo 4 B impegnate le classi di regolarità Vintage 500 e Japan 2 T. Per la prima trionfo di Pasquinucci su Ducati, seguito sul podio dalla Kawasaki di Bosi; terzo piazzamento per Allamand che a bordo della sua Ducati si aggiudica anche il premio “Giro Perfetto”. Nella Japan 2 T vittoria di Mazzinghi e secondo posto di Verzelloni, entrambi su Suzuki, seguiti da Giannone su Yamaha. Premio “Giro Perfetto” assegnato a Prackwieser a bordo della sua Honda.

E’ quindi il turno del Gruppo 5 S: nella categoria SBK 92 trionfa la Yamaha di Caprara che completa la sua gara con un tempo di 18’35″976 dando 7″652 ad un’altra Yamaha, quella di Lenoci. Terzo piazzamento per Toschi a bordo della sua Ducati. Da segnalare che il podio delle superbike corrisponde a quello della classifica assoluta e all’ordine di partenza iniziale. Per l’altra classe in pista, la SS 600, prima posizione di Valentini su Honda, che completa in 19’20″393, seguito da un’altra Honda, di Barilli e dalla Bimota di Danelli.

Nella Vintage Open la classifica di regolarità vede trionfare la Honda di Nava seguito dalla Guzzi di Fantini, il quale si aggiudica anche il premio speciale “Giro Perfetto”. Terzo piazzamento per Sentimenti e la sua Kawasaki.

Segue quindi la Old Open Cup, con le due sottocategorie Over 750 cc e Under 750 cc. Tra gli Over si piazza in prima posizione Vocaturi che sfrutta la pole ottenuta nella giornata di ieri e a bordo della sua Honda completa la gara in 18’27″609, aggiudicandosi la prima posizione anche nella classifica assoluta. Lo seguono Silva su Honda, con ben 34″237 di distacco e Ostorero su BTT. Tra gli Under medaglia d’oro per Rossi che, partito sesto nella griglia generale, a bordo della sua Yamaha è autore di una bella rimonta e taglia il traguardo per secondo in termini assoluti a 29″414 da Vocaturi. Lo seguono sul podio dell’Under 750 cc Verri su Pagani, terzo in classifica assoluta e Lisciandrello su Honda.

E’ quindi il momento dell’ultima gara di regolarità, l’Italian Cup. Primo posto per la Honda di Valentini, seguito da Villa su Aprilia e Piccinini su Suzuki. Premio “Giro Perfetto” per Fasola che ha corso su Aprilia.

La gara successiva vede in pista il Gruppo 5 T, formato dalle sottoclassi TT 500, TT 750 e TT Open. Nella TT 500 la spunta Damiani a bordo della sua Ducati che, completando in 14’59″828 conclude la gara nella terza posizione assoluta. All’interno della categoria TT 750 trionfa Leardini su Honda che sfrutta la pole e con 14’30″902 taglia il traguardo per primo in assoluto. Lo seguono sul podio Marconi su Ducati e Ricci su Honda. Finisce sul gradino più alto del podio nella TT Open Anello su Ducati, secondo in classifica assoluta con 14’41″729, seguito da Saitta su Guzzi e Schvetz su Kawasaki. Da segnalare la presenza della bandiera rossa al dodicesimo giro che decreta la fine della gara.

La giornata si conclude con il Gruppo 5 R, che vede impegnate le classi GP125/250, ClassGP500, TTJapan. Nella categoria GP125/250 sono autori di una bella lotta Bisacchi e Anichini, con il primo che sulla Honda vince con 19’10″438, di soli 0″339 sulla Yamaha del rivale; i due erano partiti in posizione inversa rispetto all’ordine di arrivo. Completa il podio Peruzzi su Yamaha, terzo anche nella classifica assoluta con 43″555 di distacco dal primo classificato. Nella categoria Classic GP 500 podio Yamaha, dove si piazza primo
Ferri che chiude con 20’04″366 lasciandosi alle spalle cola e Pasinetti. Infine nella classe TT Japan si piazza al primo posto Bianchi C. con 20’16″882 seguito da Franchi, entrambi su Suzuki. Terzo piazzamento per Bergami su Yamaha.

Tre nel corso della giornata i turni riservati al Gruppo 3, che hanno visto partecipare 68 moto. Prossimo appuntamento sul Riccardo Paletti di Varano de’ Melegari il prossimo fine settimana, con il primo round della Varano Club Races.

 
 
ACIACI-CSAIFIAFimRegione Emilia RomagnaMotor ValleyComune di VaranoProvincia di Parma